Soccorsi due ragazzi a bordo di un canotto in balia delle onde PDF Stampa E-mail
Mola di Bari - Cronaca  /  Scritto da Redazione - Martedì 25 Luglio 2017 15:40

ragazzi salvati barcaMOLA DI BARI - Il forte vento che, prima da Levante e poi da Scirocco, ha flagellato nella giornata di ieri pomeriggio tutto il litorale barese, ha messo in seria difficoltà due ventenni che erano usciti per una battuta di pesca tra Torre a Mare e Mola di Bari a bordo di un canotto a remi. La chiamata di soccorso è giunta alla Sala Operativa della Guardia Costiera di Bari sia dagli stessi occupanti del piccolo natante, che da tutti coloro da terra si erano accorti della presenza in mare del canotto alla deriva. Scattata l’emergenza, è stato disposto l’immediato intervento della motovedetta CP 309. Ma il canotto, a causa del fortissimo vento, si era nel frattempo ancor più allontanato dalla costa, scomparendo anche alla vista dei segnalanti da terra. Le ricerche, condotte da personale imbarcato altamente specializzato in attività SAR (“Search and Reascue” – Ricerca e Soccorso) e con il coordinamento della Sala Operativa della Capitaneria di porto, sono durate poco più di 30 minuti: infatti, la mancanza di punti di riferimento e/o posizioni fornite con il GPS, ha reso le operazioni ancora più difficili. Infatti il canotto è stato ritrovato poco più a nord della posizione iniziale, ma ben lontano dalla costa, a quasi 2 miglia marine (circa 4 km). I due ragazzi in evidente stato di agitazione, sono stati recuperati a bordo della motovedetta soccorritrice, assistiti ed accompagnati nel porto di Bari, presso la base navale della Guardia Costiera. Non trascurando la tempestività dell’intervento di soccorso, è ovvio che anche un pizzico di fortuna ha fatto sì che questa brutta avventura non si sia trasformata in tragedia. Una delle prime regole di chi va per mare è sicuramente quella di adottare ogni precauzione prima di uscire in barca, sincerandosi prudentemente delle condizioni del mare e delle previsioni meteo-marine. Un forte vento “da terra”, solitamente, deve scoraggiare i tanti diportisti che, specie con natanti a remi, intendono prendere il largo.





 

Commenta la notizia - Regolamento


Consigliati