Cultura e Spettacolo
Dove va la fotografia? Incontro al museo Pascali PDF Stampa E-mail
Polignano a Mare - Cultura e Spettacolo
Scritto da Redazione   
Venerdì 01 Aprile 2016 09:10
 
Corso gratuito per docenti PDF Stampa E-mail
Polignano a Mare - Cultura e Spettacolo
Scritto da Redazione   
Martedì 01 Marzo 2016 14:16

PAOLO COMENTALEPOLIGNANO- Organizzato dal Dirigente Scolastico dell’Istituto ‘Sarnelli De Donato Rodari’ prof. Lino De Donato e dalla direttrice della Fondazione Museo Pino Pascali Rosalba Branà si svolgerà un corso di formazione per docenti delle scuole primarie di primo e secondo grado. L’attività di aggiornamento, di 20 ore, sarà tenuta da Paolo Comentale del Granteatrino Casa di Pulcinella, regista, burattinaio, scrittore e Presidente dei Presidi del Libro. Il corso dal titolo “I linguaggi del teatro di figura: dal testo scritto alla rappresentazione” analizzerà i vari linguaggi che concorrono a costruire uno spettacolo dei burattini mettendo a fuoco la valenza didattica. In uno spettacolo di Teatro di Figura si incrociano molti linguaggi, dalla scrittura creativa, alla sceneggiatura, dalla musica all’espressione grafico-pittorica, un percorso formativo ed educativo che porta  gli alunni  a liberarsi di alcuni blocchi comunicativi, favorendo l’integrazione  all’interno del gruppo-classe  spesso eterogeneo e multiculturale. Il corso di aggiornamento a carattere laboratoriale è suddiviso in moduli operativi dalla storia del Teatro di figura, al mestiere di burattinaio e alle sue competenze, all’analisi dei copioni all’uso della musica e del suono sino all’animazione e alla messa in scena. Il corso è a titolo gratuito, saranno accettati 30 docenti in ordine di arrivo inviando l’iscrizione a segreteria@museopinopascali.it





 
Alle medie si studiano anche le maschere PDF Stampa E-mail
Polignano a Mare - Cultura e Spettacolo
Scritto da Redazione   
Giovedì 11 Febbraio 2016 01:00
 
L'inventario di Leone al museo Pino Pascali PDF Stampa E-mail
Polignano a Mare - Cultura e Spettacolo
Scritto da Redazione   
Martedì 09 Febbraio 2016 13:41

Allegato di posta elettronica copiaPOLIGNANO - Prosegue alla Fondazione Pino Pascali di Polignano a Mare il ciclo Paesaggio Contemporaneo inaugurato nel 2014 con la mostra "Il mare e il cielo. Pino Pascali e Luigi Ghirri", proponendo una mostra che espone la visione del paesaggio urbano e mediterraneo grazie all'opera di Gianni Leone, un fotografo che ha contribuito a dare vita, insieme ad altri protagonisti ed eccellenti colleghi - quali Luigi Ghirri, di cui fu amico e compagno di lavoro, Olivo Barbieri, Giovanni Chiaramonte, Mario Cresci o Mimmo Jodice - al rinnovamento dell'iconografia della fotografia italiana, ribaltando stereotipi e luoghi comuni sul Bel Paese.

Nato a Bari nel 1939, nella cui Università ha insegnato Storia delle dottrine politiche, Gianni Leone inizia a fotografare nel 1979 nel contesto di un'intensa attività di animazione culturale: dal 1981 al 1985 dirige la galleria Spazio Immagine dove espone la prima ricerca, "Letture", e fino al 1983 promuove gli "Incontri di Spazio Immagine", intensi cicli di conferenze e letture, affiancati da esposizioni monografiche, di respiro nazionale e internazionale. Tra gli altri coinvolge Luigi Ghirri, Mario Cresci, Giovanni Chiaramonte - che lo invita alla collettiva "Luogo e identità della Fotografia contemporanea Europea" (1982) - e Guido Guidi. Nel 1984 cura insieme a Luigi Ghirri ed Enzo Velati, con testi di Quintavalle e un racconto di Gianni Celati, il fondamentaleViaggio in Italia con il volume edito da Il Quadrante di Alessandria ed una mostra di oltre 300 scatti presso la Pinacoteca Provinciale di Bari.

La mostra sarà completata dal documentario "Gianni Leone" a cura di Nicolai Ciannamea, realizzato e prodotto nell'ambito del progetto arTVision – a live art channel ( www.artvision.agency).





 
Prima sfilata di carnevale: migliaia in piazza [VIDEO] PDF Stampa E-mail
Polignano a Mare - Cultura e Spettacolo
Scritto da Redazione   
Domenica 31 Gennaio 2016 23:32
 
“Viaggio in Italia” dal '70 ad 0ggi PDF Stampa E-mail
Polignano a Mare - Cultura e Spettacolo
Scritto da Redazione   
Venerdì 29 Gennaio 2016 10:24
 
Il vaso della tomba misteriosa resta ancora a Polignano PDF Stampa E-mail
Polignano a Mare - Cultura e Spettacolo
Scritto da Redazione   
Mercoledì 27 Gennaio 2016 18:03

vasoPOLIGNANO - Siamo lieti di comunicare che la mostra archeologica "La scoperta di Mons. Santoro dal Mito alla Realtà", è stata prorogata fino al 20 luglio 2016. La mostra, ideata ed organizzata da Giuseppe Maiellaro con il patrocinio del Comune di Polignano a Mare, e con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, con il supporto dell'Associazione Neapoliton, di Fidanzia Sistemi e di altri partner privati, ha ingresso gratuito ed è visitabile ogni Ven-Sab-Dom dalle h. 17.00 alle 21.00, Sab-Dom mattina dalle h. 11.00 alle 13.00, nei festivi e su prenotazione presso Palazzo San Giuseppe, in Via Mulini a Polignano. La stessa mostra ospiterà, come già accaduto, un nuovo ciclo di conferenze di studi il cui calendario verrà opportunamente pubblicato anche sulla pagina Facebook "La scoperta di Mons. Santoro dal mito alla realtà". 

"Un ringraziamento grande a tutti coloro che hanno reso possibile questa proroga; al Sindaco dott. Domenico Vitto, all'assessore alla Cultura ed ai Beni Archeologici dott.ssa Marilena Abbatepaolo, al dott. Domenico Matarrese ed a tutti i cittadini, agli appassionati, ai docenti ed alle scolaresche fino ai più piccoli cinquenni visitatori che hanno amato da subito questa mostra e questa storia.  Il fascino del racconto di questa vicenda è alla base del grande interesse riscontrato. Il racconto di una storia in divenire che ha ancora misteri da svelare. Va ancora indagata l'identità e l'origine di questi uomini di spicco, di alto rango presenti sul nostro territorio nel IV secolo A.C.. Questi nostri Grandi Vasi, questi monumenti, perché tali sono, costituiscono una vera e propria enciclopedia iconografica della storia e del mito: la varietà e la ricchezza di simboli, provenienti da diverse culture, sono l'espressione di un'arte antica straordinaria, che offre una pluralità di letture, non solo per gli addetti ai lavori.  I personaggi, gli oggetti, le strepitose cornici floreali ed ornamentali, costituiscono l'immagine vivida di un mondo fantastico con cui finalmente potersi ricongiungere. Ci migliora l'incontro con questi tesori, con la visione di questi grandi uomini, con il loro mondo. Questa è anche la magia, al di fuori del tempo, della nostra Grande Loutrophoros e delle immagini emozionanti degli altri tre Grandi Vasi."

"Sono molto felice oggi – dichiara L'Assessore alla Cultura ed ai Beni Archeologici dott.ssa Marilena Abbatepaolo, - di poter comunicare a tutti, insieme a Giuseppe Maiellaro, che va ringraziato per la dedizione, di questa proroga. Abbiamo avuto tantissime visite. Tantissima gente ci ha chiesto di prolungare la mostra. Abbiamo visto la gioia dei nostri concittadini nello scoprire questo tesoro. Insomma, si doveva prorogare. Dare ad altra gente ancora la possibilità di vedere questo vaso. Adesso sarebbe bello un ulteriore passaggio, far restare qui a Polignano in esposizione permanente il vaso. Dobbiamo provarci. Polignano sta riscoprendo se stessa e credo sia questa la via giusta. Su questa via bisogna proseguire."





 
La natività torna nel centro storico PDF Stampa E-mail
Polignano a Mare - Cultura e Spettacolo
Scritto da Redazione   
Mercoledì 06 Gennaio 2016 09:47
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 36